Ita / eng

Logo Museo di Palazzo Pretorio Museo di Palazzo Pretorio

Su il sipario, "Tra terra e cielo. Le mani pensanti di Jacques Lipchitz"

Su il sipario, riflettori puntati sull’arte di Lipchitz. Negli spazi del Museo si va in scena con “Tra terra e cielo. Le mani pensanti di Jacques Lipchitz”, una produzione della Compagnia Teatrale Universitaria “Binario di Scambio”. Appuntamento venerdì 24 aprile, alle 21, ingresso libero (fino a esaurimento posti). Apertura straordinaria del Museo con biglietto d’ingresso a 4 euro.

Non perdere la membership "Amici del Pretorio"

La card "Amici del Pretorio" per fidelizzare i visitatori. Per il suo primo compleanno il Museo regala arte e cultura: tessera in omaggio per tutti i pratesi diventati maggiorenni nell’ultimo anno e per coloro, sempre residenti a Prato, che festeggiano il compleanno il 12 aprile. La card gratuita è ritirabile dal 10 al 12 aprile.

David Palterer

Focus Lipchitz: conversazione con David Palterer

Chi si presenta con il biglietto della mostra pratese su Lipchitz ha diritto al ticket ridotto per il Museo Ebraico e Sinagoga di Firenze o Sinagoga di Siena. Domenica 26 aprile (ore 17), conversazione con David Palterer su Le cere perdute di Jacques Lipchitz in collaborazione con Fondazione Italia Israele per la Cultura e le Arti

Pratomusei card, un solo biglietto per quattro musei

Un ticket unico per visitare Palazzo Pretorio, Museo del Tessuto, Centro per l'Arte Contemporanea "Luigi Pecci" e Musei Diocesani. La Pratomusei card, che ha una validità di tre giorni, consente l’ingresso illimitato ai quattro musei, la libera circolazione sulla rete di trasporto pubblico locale, vantaggi e agevolazioni con hotel, ristoranti e strutture convenzionate.

 

Una primavera di mostre, emozioni nel segno dell'Arte

Fino al 3 maggio, Jacques Lipchitz a Monaco, Firenze e Prato. Disegni per sculture 1910-1972, progetto congiunto con il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. Dal 29 maggio, Il corpo e l'anima. I luoghi e le opere della cura ospedaliera in Toscana dal XIV al XIX secolo per raccontare la storia dei luoghi di cura in Toscana.