Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Tre canti per il Pretorio

Una serie di tre video realizzati dal collettivo Metropopolare che saranno pubblicati sui social e che verranno proiettati al Castello dell’Imperatore prima dell’inizio dei film dell’arena estiva. Il primo sarà lanciato il 30 giugno.

Nell’anno dantesco, anche il Museo di Palazzo Pretorio ha voluto contribuire ai festeggiamenti con il progetto innovativo “Tre canti per il Pretorio”, una serie video che stimola la riflessione sull’arte e sul suo ruolo nella nostra vita. Partendo dalle parole di Dante, che per primo ha utilizzato la lingua volgare rendendo le sue opere disponibili a tutti, il progetto che il Museo ha realizzato insieme al collettivo Metropopolare è un viaggio alla scoperta delle opere del Museo e alla loro percezione da parte dei cittadini.

La serie di video è scritta e diretta da Livia Gionfrida, mentre le interviste sono state realizzate da Giulia Aiazzi e Paolo Gruni. I video saranno disponibili sui canali Facebook e Youtube del Museo; saranno anche proiettati all’arena estiva del Castello dell’Imperatore prima dei film. La serie è composta da tre episodi, ognuno dei quali ha per titolo il verso con cui si chiudono rispettivamente le tre cantiche della Divina Commedia. Ricorrente è la citazione delle stelle, come fine a cui l’uomo tende: l’arte diviene quindi il mezzo per raggiungerle, per l’elevazione dell’essere umano.

Il primo episodio è stato pubblicato il 30 giugno e poi gli altri due saranno disponibili il 7 e il 12 luglio. Tutti saranno comunque disponibili sul sito internet del Museo.

Il collettivo Metropopolare da anni si occupa di ricerca artistica in modo multidisciplinare ed eclettico, coinvolgendo città e artisti. La ricerca nasce a Prato e si alimenta del lavoro sul territorio diramandosi a livello nazionale. I progetti coinvolgono sempre istituzioni culturali, come teatri, musei e fondazioni, e realtà radicate sul territorio, come carcere e scuole, segno di una ricerca che si fa etica ed estetica.