Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Sergio Givone a "Tutta colpa dell'arte"

La rassegna "Tutta colpa dell'arte. Storie d'autore al museo", ciclo di conversazioni con scrittori e saggisti promosso dal Museo di Palazzo Pretorio e da Tv Prato prosegue con Sergio Givone, ospite del Museo il prossimo sabato 2 ottobre ore 17.00.

Givone, intervistato da Olga Mugnaini de La Nazione, racconterà, attraverso le pagine del suo libro Fra terra e cielo. La vera storia della Cupola di Brunelleschi, di un capolavoro architettonico ammirato in tutto il mondo e di un genio tormentato, Filippo Brunelleschi, destinato a lasciare un'impronta indelebile nella storia.

In queste pagine Givone tesse la trama affascinante che portò alla nascita della cupola del Duomo di Santa Maria del Fiore, simbolo indiscusso del Rinascimento, ripercorrendo i giorni di una città colpita dalla peste, il magico incrocio degli artisti dell’epoca, da Masaccio a Donatello, da Arnolfo di Cambio a Lorenzo Ghiberti, le rivalità, le delusioni e i drammi di un’impresa temeraria. Nel grande romanzo della cupola s’intrecciano ricostruzione degli eventi e filosofia, scienza e biografia, svelando arcano e realtà di un’opera tra le più rilevanti della nostra civiltà.

L'incontro sarà trasmesso in diretta Facebook sugli account del Museo di Palazzo Pretorio e di Tv Prato e in differita su Tv Prato, canale 74 del digitale terreste e in streaming su tvprato.it, la domenica successiva all'incontro alle ore 21.00.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti previa presentazione di certificazione verde Covid-19.

Prenotazione fortemente consigliata al numero 0574.1837859 oppure alla mail prenotazioni.museiprato@coopculture.it.

L'evento avrà luogo nel rispetto della normativa anti-Covid