Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Mvah Cha: le opere di Namsal Siedlecki in mostra al Cassero medievale

MVAH CHA: LE SCULTURE DI NAMSAL SIEDLECKI IN MOSTRA AL CASSERO DI PRATO FINO AL 28 DI AGOSTO

Al Cassero di Prato venerdì 10 giugno (alle ore 16.00) inaugura Mvaḥ Chā, la mostra di sculture di Namsal Siedlecki, a cura di Camilla Mozzato, organizzata dal Museo di Palazzo Pretorio e dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci.

La suggestiva mostra, visitabile fino al 28 di agosto, presenta per la prima volta a Prato il nucleo principale di un corpus di sculture in bronzo, realizzate nel 2019 durante un periodo di residenza a Kathmandu dall’artista statunitense (che in Italia è di casa, e vive a Seggiano, tra le colline grossetane).

Durante il soggiorno a Katmandu, l’artista ha avuto modo di sperimentare e approfondire in alcune delle principali fonderie locali la tecnica della fusione a cera persa nepalese; mentre in Europa il modello in cera viene ricoperto da mattone triturato e gesso, in Nepal si utilizza un composto chiamato appunto “Mvaḥ Chā”, che si ottiene impastando argilla, sterco di vacca e pula. Il composto, solitamente distrutto per portare a termine il processo di fusione, risulta talmente spesso da nascondere la forma originale, e, in un ribaltamente delle funzioni, Siedlecki lo trasforma in opera.

Il risultato di questo insolito processo sono sculture dalle masse indeterminate, dei non finiti, forme dotate di un'espressività forte e primitiva, libere da canoni proporzionali e da precisi riferimenti anatomici, che tuttavia conservano una sottile relazione con l'iconografia religiosa induista e buddista, ricordando allo stesso tempo l'estetica arcaicista della scultura del primo Novecento in Europa. Sculture indefinite che creano un dialogo fra passato e presente, tra Oriente e Occidente, sottolineando come la fascinazione per l’ignoto e per lo spirituale accompagni l’uomo da sempre.

INFO
Namsal Siedlecki. Mvah Cha
a cura di Camilla Mozzato
dal 10 giugno al 28 agosto 2022
opening: 10 giugno 2022, ore 18.00
orario di apertura: da giovedì a domenica, ore 16.00 - 20.00
@ Cassero (Viale Piave, Prato)