Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Incontro con Padre Bernardo Gianni

Terzo appuntamento del ciclo di incontri Conversazione con... organizzato dal Museo di Palazzo Pretorio in occasione della mostra Hi Woman! La notizia del futuro.

L'ultimo appuntamento vedrà protagonista padre Bernardo Gianni, Abate di San Miniato al Monte, personaggio straordinario dei nostri tempi, il quale converserà con il pubblico venerdì 19 marzo alle ore 17.30 sul tema Incarnazione: forma estetica e sostanza d'amore.

Ispirandosi a Mario Luzi ed al suo Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini, con i versi "Non lasciare deserti i miei giardini d’azzurro, di turchese, d’oro, di variopinte lacche", l'intervento di padre Bernardo Gianni sarà l'occasione per una riflessione sul tema dell’Annunciazione, ovvero quando l'imprevedibile da ragione di turbamento diventa motivo di affidamento.
In queste settimane di guerra le parole di padre Bernardo, ispirate anche e soprattutto dalla bellezza custodita ed esposta a Palazzo Pretorio, saranno sospese fra meditazione, invocazione ed intuizione estetica.
“Del resto il mistero dell'Incarnazione è per chiunque pungolo di domanda e sorgente di stupore: l'assolutamente assoluto prende dimora nella corporeità femminile e l'eterna eternità si fa strada nella mai lineare strettoia dei nostri minuti. Se non di fede quantomeno di necessaria speranza è la bellezza che brilla nelle incessanti rivisitazioni artistiche scaturite da un evento così decisivo nella vicenda elaborativa della nostra più consapevole coscienza umana”, afferma padre Bernardo Gianni.

Prenotazione obbligatoria al numero 0574.1837859 o alla mail prenotazioni.museiprato@coopculture.it.
Ingresso gratuito previa presentazione di certificazione verde Covid-19 rafforzata (cosiddetto "super Green pass") e obbligo di mascherina ffp2. Il museo e la mostra restano visitabili indossando la sola maschera chirurgica.
L'incontro avrà luogo nel rispetto della normativa anti-Covid vigente.