Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Una lingua travolgente e incendiaria

Sabato 12 ottobre ore 16

Presentazione del libro Una lingua “travolgente” e incendiaria - Studi sul Futurismo” di Stefania Stefanelli. A cura di Teresa Megale e Paolo Albani

Un linguaggio dirompente, una vera e propria rivoluzione che investì il mondo dell’arte prima italiano e poi anche europeo. Il Futurismo scoppiò come una furia incendiaria e distruttrice, che partì dal linguaggio per poi travolgere anche altri campi: il teatro, la politica, la gastronomia, la moda.. Una storia creativa affascinante che Stefania Stefanelli ricercatrice e collaboratrice dell’Accademia della Crusca, ci aiuterà a scoprire, con la collaborazione di Teresa Megale.

Il futurismo fu un movimento che ebbe un’eco potentissimo: dall’Italia raggiunse la Russia, il Portogallo, il Giappone e che ebbe un influsso anche sulla quotidianità. Infatti la rivoluzione lanciata da Marinetti con il suo Manifesto coinvolse la lingua letteraria, ma anche il parlare quotidiano. Gli scrittori futuristi crearono un’antilingua che poi riuscirono a condividere anche con una strategia di comunicazione basata su manifesti e volantini.