Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Notte europea dei Musei

Per la Notte europea dei Musei, sabato 19 maggio la rete PratoMusei promuove un’offerta particolare di visita alle collezioni permanenti e alle mostre temporanee in corso nelle quattro strutture della rete: Centro Pecci, Museo del Tessuto, Musei Diocesani Prato e Palazzo Pretorio.

L’ampio e differenziato ventaglio di arte e cultura proposto dai musei cittadini sarà ancora più accessibile grazie ad aperture straordinarie serali e ingressi gratuiti, l’intera rete aderisce infatti alla quattordicesima edizione dell’iniziativa patrocinata dal Consiglio d’Europa, Unesco e ICOM e promossa anche dalla Regione Toscana nella cornice di Amico Museo 2018.

Vediamo nei dettagli la proposta dei singoli musei: il Centro Pecci sarà aperto dalle 21 alle 23 e consentirà di visitare la mostra dedicata all'artista inglese Mark Wallinger e una selezione di opere della collezione permanente, alle ore 21 si terrà una visita animata per famiglie e alle ore 21.30 una visita guidata per adulti (prenotazione obbligatoria per info e costi www.centropecci.it); stesso orario e gratuità per il Museo del Tessuto che propone per l’occasione anche Notte al Museo una fantastica avventura notturna dedicata ai ragazzi tra gli 8 e i 12 anni che prevede, dopo un divertente laboratorio creativo e l'esplorazione delle sale al lume di torcia, il pernottamento in sacco a pelo fino alla mattina successiva (prenotazione obbligatoria; per info e costi didattica@museodeltessuto.it).

Anche per i Musei Diocesani Prato apertura straordinaria dalle 21 alle 23 e gratuità, prolunga infine la chiusura alle 24 il Museo di Palazzo Pretorio (ultimo ingresso 23.30) che regala una visita tra i capolavori della collezione permanente firmati da maestri come Filippo e Filippino Lippi, Giovanni da Milano e Lorenzo Monaco e molti altri.