Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Di tessitura e di storia, nelle trame di una cintura

Una piccola striscia di tessuto, nei colori e nella foggia dell’originale, è la fedele riproduzione tessile della Sacra Cintola custodita nel Duomo di Prato. L’ha realizzata Luigi della Rovere, docente dell’istituto Buzzi di Prato, dopo un accurato studio di ricerca durato dieci anni e un’attenta analisi delle modalità e tecniche di tessitura del primo secolo. Il manufatto sarà presentato a Palazzo Pretorio, venerdì 9 febbraio alle 21, nel corso dell’iniziativa Di tessitura e di storia, viaggio nelle trame di una cinturapromossa dall’associazione ex allievi Buzzi in collaborazione con il Museo e la Diocesi di Prato. Insieme a della Rovere sarà presente l’assessore alla cultura Simone Mangani, Don Nedo Mannucci, vicario generale della Diocesi, e Guido Biancalani, presidente dell’associazione ex Allievi.

Nel corso della serata, a ingresso libero, Luigi della Rovere avrà l’opportunità di raccontare il proprio progetto, nato dieci anni fa, e mostrare grazie a video e fotografie, le fasi della lavorazione della originale tessitura, per la quale ha utilizzato un telaio a martelletti, secondo l’usanza in uso nella Palestina del primo secolo.   Il risultato è l’originale striscia di tessuto lunga 613 millimetri

Evento in collaborazione con l'associazione ex Allievi Buzzi. Ingresso gratuito.

Al termine della conferenza sarà possibile visitare la mostra Legati da una Cintola