Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Dal 10 gennaio accesso al Museo solo con Super Green Pass

In ottemperanza a quanto stabilito dal decreto-legge n. 221 del 24 dicembreo 2021 recante “Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l'esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, dal 10 gennaio 2022 l'accesso ai musei sarà consentito solo ai cittadini muniti di certificazione verde Covid-19 rafforzata (cosiddetto “Super Green pass”) valida.

La certificazione verde Covid-19 rafforzata si può ottenere ad una delle seguenti condizioni:

- avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo;
- avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;
- avvenuta guarigione da COVID-19 dopo la somministrazione della prima dose di vaccino o al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo.

I visitatori che vorranno accedere alle collezioni e alle mostre del Museo di Palazzo Pretorio, pertanto, dovranno portare con sé la propria certificazione verde Covid-19 rafforzata ed esibirla all'ingresso per permettere al personale autorizzato di verificarne la validità.

Come avverrà la verifica?

1. Al visitatore sarà richiesto di mostrare la certificazione con relativo QR code (in formato digitale oppure cartaceo) al momento dell'ingresso al museo.
2. Il QR code verrà letto tramite l'app VerificaC19, la quale verificherà l’effettiva validità della certificazione nonché il nome, il cognome e la data di nascita dell’intestatario della stessa. Nessun altro dato personale contenuto nel certificato sarà visibile.

Il visitatore, su richiesta, esibirà un proprio documento di identità in corso di validità ai fini della verifica di corrispondenza dei dati anagrafici presenti nel documento con quelli visualizzati dall’app.

Le informazioni personali degli utenti non saranno memorizzate in alcun modo né saranno oggetto di ulteriori forme di trattamento nel pieno rispetto della privacy.

Tali previsioni non si applicano ai soggetti di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della Salute.

Sono validi per ottenere la certificazione verde Covid-19 in Italia i vaccini approvati dall'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e inseritivi nel Piano nazionale vaccini, che ad oggi sono Vaxzevria di Astrazeneca, Comirnaty di Pfizer-BioNTech, Moderna, Janssen di Johnson & Johnson e Nuvaxovid di Novavax nonché i vaccinati somministrati da autorità sanitarie nazionali competenti estere riconosciuti come equivalenti.

In tal senso, i certificati di vaccinazione rilasciati dalle autorità sanitarie nazionale competenti estere, a seguito di vaccinazione con vaccini autorizzati EMA o con vaccini equivalenti, sono considerati come equipollenti alla certificazione verde Covid-19. Essi dovranno riportare almeno i seguenti contenuti:

- dati identificativi del titolare (nome, cognome, data di nascita);
- dati relativi al vaccino (denominazione e lotto);
- data/e di somministrazione del vaccino;
- dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato (Stato, autorità sanitaria).

Per i visitatori provenienti da Paesi che non hanno adottato le certificazioni verdi Covid-19, è possibile accedere previa esibizione di certificazione equipollente, che contenga gli stessi dati contenuti nelle certificazioni verdi Covid-19 e che, in caso di vaccinazione, attesti l’utilizzo di uno dei vaccini la cui somministrazione è autorizzata in Italia  più un documento di identità.

Restano in vigore le altre prescrizioni di sicurezza anti-Covid, per cui all'ingresso verrà rilevata la temperatura corporea e sarà obbligatorio indossare la mascherina per tutto il tempo di permanenza al'interno del museo.

Lungo il percorso museale sono inoltre posizionati dispenser di gel igienizzante; i visitatori sono pregati di evitare il formarsi di assembramenti.

Per maggiori informazioni: https://www.dgc.gov.it/web/