Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Sei in:

Cabine

Tra le due opere di Ardengo Soffici esposte nella sezione su Soffici e la Scuola di Prato, Cabine, dipinto a Forte dei Marmi nel 1927, è espressione del “ritorno all’ordine”, dopo le sperimentazioni formali delle avanguardie storiche, che puntava al recupero della tradizione toscana e della effettiva qualità dell’arte. Il dipinto, nell’accordata composizione tonale che richiama l’affresco antico, nella semplice resa della natura, nella “pittura pura”, è poeticamente vicino alle opere contemporanee dell’amico Carrà.

Dopo la Grande Guerra furono molti, e in diversi paesi, gli artisti che abbandonarono le sperimentazioni formali delle avanguardie storiche, dal futurismo all’espressionismo e al cubismo, per tentare una rifondazione dell’arte, attraverso strade diverse. Alcuni, come Carrà, Derain o lo stesso Soffici, puntarono sul recupero di tradizioni arcaiche e della effettiva qualità dell’arte. Quel “ritorno all’ordine” che è stato interpretato negativamente come una chiusura, come un isolarsi nel tempo e nello spazio, mirava in realtà, come appare in un noto articolo di De Chirico del 1919, a un “ritorno al mestiere”, ai valori di un’arte di effettiva qualità. Per Soffici la qualità della materia pittorica fu una costante, dai primi del Novecento alla morte; egli accettò consapevolmente il rischio che la sua  scelta, le opere prodotte dal volontario esilio a Poggio a Caiano venissero viste come un ripiegamento poco coraggioso su un provincialismo da “strapaese”. Come scrive a Carrà: «Non ammetto altro che la semplicità davanti alla natura che voglio studiare profondamente e rendere con onestà senza più ricordarmi di teorie e preconcetti intellettualistici di alcuna specie». Cabine fornisce un bell’esempio della poetica dell’artista, nella pennellata sciolta, nell’accordata composizione tonale che richiama l’affresco antico, nella “pittura pura. Un taccuino del 1926 testimonia i disegni fatti da Soffici sulla spiaggia versiliese, dove insieme a Carrà dipinse ogni estate, fino agli ultimi anni.

Di Soffici a Palazzo Pretorio è esposto anche il dipinto Il Reduce.

Da visitare il Museo Soffici a Poggio a Caiano, dove l’artista trascorse gran parte della sua vita.